Polemica fibrillante a 24 Mattino (Radio24) sul discusso titolo del quotidiano Libero in riferimento alla morte della piccola Sofia Zago, la bimba di 4 anni deceduta all’ospedale di Brescia a causa della malaria cerebrale. A rispondere della contestata frase esibita in prima pagina su Libero con un palese richiamo agli immigrati (“Dopo la miseria, portano le malattie”), è proprio il direttore responsabile del quotidiano, Pietro Senaldi, che si rende protagonista di un rovente scontro coi due conduttori della trasmissione radiofonica, Luca Telese e Oscar Giannino, e successivamente con un radioascoltatore di Lucca. “Io veramente su questa vicenda sono scioccato dai titoli degli altri giornali” – esordisce Senaldi – “Tutti titolano: “Mistero sulla morte della bambina di Trento”. La bambina in realtà è morta di malaria. La malaria in Italia non c’è. La bambina era stata ricoverata per tutt’altre ragioni. Accanto alla stanza della bambina c’erano i due figli di una coppia di immigrati, che tornavano dal Burkina Faso e che erano malati di malaria. Chissà come ha fatto la bambina a prendere la malaria. “Mistero”, dicono i giornali. Questa è disinformazione“. Si infuria Oscar Giannino: “No, Pietro, abbi pazienza! Siamo amici, capisco che per vendere si scrivono certe cose, ma non dire stupidaggini! La malaria si prende dall’insetto, siamo il terzo Paese avanzato importatore della malaria al mondo. Fammi parlare, oh! Noi che facciamo questo mestiere non possiamo dire che è un problema di bianchi e di neri, capisci? Perché significa venir meno alla deontologia professionale”. E aggiunge: “Ti do ragione sulle parole del ministro Lorenzin, secondo cui “forse” la malaria è stata contratta in ospedale. Un ministro della Sanità che dica “forse”, prima di sapere la verità, non lo ritengo serio“. Telese osserva: “Quei due bambini che tornavano dal Burkina Faso casualmente sono stranieri, potevano essere anche italiani“. “Ah, sì, infatti noi italiani andiamo a fare le nostre vacanze nel Burkina Faso” – ribatte, piccato, Senaldi – “Quante volte hai portato tuo figlio nel Burkina Faso? Non dico che quei due bambini siano colpevoli, ma vettori. Non c’è nessun dolo. Se fossero venuti da Bergamo, difficilmente sarebbero stati punti dalla zanzara. Quei bambini hanno contagiato. Se adesso io ti passo la varicella, non sono mica colpevole penalmente”. “Veramente sono stato in altre parti dell’Africa” – replica Telese – “E nella seconda pagina di Libero c’è scritto: ‘Infettata dagli africani’. Potevano essere italiani, macedoni o di qualsiasi altra nazionalità”. “E’ innegabile che la bambina sia stata contagiata da due africani” – replica il direttore di Libero – “Se venivano dalla Scandinavia, dove non c’è la malaria, non trasmettevano nulla“. Il vis-à-vis si rinnova ancora tra Senaldi e Giannino, ma tocca il suo clou quando interviene un radioascoltatore che commenta, rivolgendosi ai due conduttori di 24 Mattino: “Dovreste fare una selezione dei vostri ospiti colleghi. Non si può far parlare persone che hanno un cervello unicellulare, come questo giornalista. Ha detto delle sciocchezze immani“. “A me questo signore sta simpatico, perché mi fa un grande favore” – si difende Senaldi – “Lui continua a dire che la malaria in Italia non esiste, che l’immigrazione non è un problema, che l’Italia fa gli stessi controlli degli Usa sugli immigrati, che viviamo tutti liberi e belli intorno alle mura vaticane di papa Francesco. Mi fa solo un grande favore, perché è una persona che non vede la realtà e a me permette di descriverla. Per il resto, non mi sento offeso. Se uno mi dà del deficiente senza conoscermi e senza aver letto il mio articolo, non mi sento mica offeso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, agguato in pieno centro: due uomini uccisi

prev
Articolo Successivo

Malaria, direttrice unità operativa di pediatria a Trento: “Stesso parassita, ma solo analisi ceppo dirà se contagio avvenuto qui”

next