Il caprone Willy, beniamino della spiaggia Caletta di Oristano, è stato picchiato da un turista. Un vacanziero ha ripreso la scena, postandola sui social, e la malefatta non è passata inosservata. A denunciare l’accaduto è Enpa: “I bagnanti entrano nelle oasi protette e pretendono di fare i padroni senza rispetto per i veri padroni di casa – commenta l’Ente nazionale protezione animali – Per fortuna Willy, che non è un animale aggressivo, ha incassato i colpi senza reagire”. Dalle immagini, diffuse anche sulla pagina Facebook della sezione provinciale Oristano dell’Enpa, si vede il caprone mentre si avvicina in tutta tranquillità ad alcuni bagnanti sotto il faro di San Giovanni di Sinis, e un uomo che, per tutta risposta, lo aggredisce colpendolo prima con un oggetto e poi prendendolo a schiaffi. “L’unico problema della spiaggia oristanese della Caletta, in Sardegna, sono i turisti incivili e irrispettosi della natura e degli animali. Non certo il povero caprone Willy che si è preso gli schiaffi”, continuano gli animalisti, invitando “tutti alla massima disponibilità: il proprietario del caprone, affinché lo custodisca con la dovuta cura e le dovute attenzioni. Ma anche turisti e bagnanti, specie quelli che considerano Willy come una mascotte, affinché lo trattino per ciò che egli è. Un essere senziente e non un peluche. In ogni caso – conclude Enpa – non siamo disposti a tollerare alcun provvedimento discriminatorio nei confronti di Willy”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, addetto alle pulizie mangia le barrette trovate in una stanza del b&b. Ma contenevano Thc: è gravissimo

prev
Articolo Successivo

Parma, lite tra conducente bus e giovani africani. L’autista: “Minacciata mia famiglia”, i ragazzi: “Ci voleva investire”

next