Biglietti gratis ai politici per il gran premio di Monza di Formula Uno. E non si tratta di qualche ticket per le cariche più alte della Regione Lombardia: al contrario quasi 500 tagliandi saranno omaggiati a tutti i consiglieri regionali. È la denuncia di Stefano Buffagni, consigliere del Movimento 5 Stelle in Regione Lombardia.  “Nel weekend ci sarà il Gp di Monza. Un evento straordinario a cui ho già avuto il piacere in passato di assistere. Oggi scopriamo che ogni consigliere regionale ha a disposizione 6 biglietti da usare come vuole. Siamo 80 consiglieri (senza considerare eventuali assessori). Si parla di almeno 480 biglietti omaggio. Pazzia! Noi ovviamente non accettiamo questi omaggi, come abbiamo fatto per tutti gli eventi, compreso Expo“, ha scritto su facebook l’esponente pentastellato, spiegando di aver chiesto di poter “comprare” i suoi biglietti.

Poi aggiunge: “Sapete perché da quest’anno abbiamo i biglietti omaggio? Perché la Regione ha versato 20 milioni di euro per coprire i disastri di chi gestiva l’autodromo: quindi sempre i lombardi pagano anche quei 480 biglietti. E secondo voi dopo aver messo altri soldi pubblici è stata fatta partire in azione di responsabilità contro gli ex manager? Giammai”.

Al post di Buffagni, replica la Regione guidata da Roberto Maroni.  “Come ogni anno – dice l’ufficio stampa  anche quest’anno i biglietti che la società che gestisce il Gp di Monza ha assegnato gratuitamente a Regione Lombardia verranno dati ai consiglieri regionali, in numero di due a testa per la giornata di domenica. La novità è che quest’anno, per la prima volta, 200 biglietti verranno messi a disposizione dei ragazzi del Csi, cioè degli oratori lombardi, e 100 ai dipendenti di Regione Lombardia, che saranno assegnati per sorteggio”. Quindi quanti sono i ticket assegnati a ogni consigliere: sei come dice Buffagni? O due come dice la Regione? “Sono sei per il semplice fatto che la Regione ne assegna due per ogni giorno dell’evento che comincia venerdì. Infatti nel loro comunicato specificano che due biglietti sono solo per domenica”, specifica Buffagni, che poi aggiunge: “La cosa divertente sapete qual’è? Che grazie alla nostra denuncia mi hanno contattato alcuni consiglieri di altre forze politiche per avere informazioni sul come richiederli lamentando che il loro capogruppo non li aveva avvisati di questa possibilità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giancarlo Galan, negli anni dell’arresto ha totalizzato un reddito imponibile di 208.897 euro

prev
Articolo Successivo

Pd obbliga i suoi manager a finanziare il partito – A Trento si versa il 30% dello stipendio. La trasparenza? Un optional

next