“Prima i romani? Veramente la sindaca Raggi deve aiutare tutti, romani e non”. E il commento di Abraham, un rifugiato eritreo, alle parole di Luigi Di Maio in difesa della sindaca Raggi, che “deve pensare prima di tutto ai romani”. Abraham vive a Bologna, ma oggi partecipa alla manifestazione di Roma in solidarietà con i rifugiati sgomberati da via Curtatone dopo i fatti di piazza Indipendenza. “Siamo tutti esseri umani. La legge per i rifugiati è scritta per tutti, anche gli italiani. Se viene un italiano a chiedere l’asilo politico in Eritrea io lo accolgo, non posso mica distinguere”. E racconta la sua esperienza: “Sono in Italia da otto anni, ma anche a Bologna è tutto uguale: le istituzioni, per noi rifugiati, non esistono”. Aisha, tunisina, sgomberata insieme a un’altra ottantina di nuclei famigliari da via Quintavalle a Cinecittà, dorme insieme agli altri da 17 giorni nella chiesa dei SS. Apostoli. “Prima i romani? Non mi fare rispondere”, si schernisce ridendo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, morto in stazione. Le 8 telefonate in mezz’ora: “Vomita sangue”. Sempre la stessa risposta dal 118: “No ambulanze”

prev
Articolo Successivo

Sgomberi, 5.000 al corteo contro che diventa un sit-in: “Rimaniamo fino a lunedì”

next