“Prima i romani? Veramente la sindaca Raggi deve aiutare tutti, romani e non”. E il commento di Abraham, un rifugiato eritreo, alle parole di Luigi Di Maio in difesa della sindaca Raggi, che “deve pensare prima di tutto ai romani”. Abraham vive a Bologna, ma oggi partecipa alla manifestazione di Roma in solidarietà con i rifugiati sgomberati da via Curtatone dopo i fatti di piazza Indipendenza. “Siamo tutti esseri umani. La legge per i rifugiati è scritta per tutti, anche gli italiani. Se viene un italiano a chiedere l’asilo politico in Eritrea io lo accolgo, non posso mica distinguere”. E racconta la sua esperienza: “Sono in Italia da otto anni, ma anche a Bologna è tutto uguale: le istituzioni, per noi rifugiati, non esistono”. Aisha, tunisina, sgomberata insieme a un’altra ottantina di nuclei famigliari da via Quintavalle a Cinecittà, dorme insieme agli altri da 17 giorni nella chiesa dei SS. Apostoli. “Prima i romani? Non mi fare rispondere”, si schernisce ridendo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, morto in stazione. Le 8 telefonate in mezz’ora: “Vomita sangue”. Sempre la stessa risposta dal 118: “No ambulanze”

next
Articolo Successivo

Sgomberi, 5.000 al corteo contro che diventa un sit-in: “Rimaniamo fino a lunedì”

next