“Mi dispiace che no ne parli nessuno, in Italia, della situazione in Eritrea”. Abraham è un rifugiato e vive a Bologna da otto anni. A Roma per la manifestazione dei suoi connazionali dopo lo sgombero di via Curtatone e i fatti di piazza Indipendenza, parla del suo Paese. “Noi scappiamo da una situazione difficilissima. Il nostro paese viene chiamato la Corea del Nord dell’Africa, c’è un regime sanguinoso da più di 26 anni”, racconta. “Il servizio militare a vita è obbligatorio per tutti. A casa nostra non abbiamo una vita. Ecco perché scappiamo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, rifugiati di via Curtatone respingono le accuse di racket: “Bugie, mai pagato nulla. Ricevute? Ci pagavamo le pulizie”

next
Articolo Successivo

Pistoia, l’arcivescovo: “Legami tra Casapound, Forza Nuova e certi ambienti ecclesiali? Non è una scoperta”

next