“Mi dispiace che no ne parli nessuno, in Italia, della situazione in Eritrea”. Abraham è un rifugiato e vive a Bologna da otto anni. A Roma per la manifestazione dei suoi connazionali dopo lo sgombero di via Curtatone e i fatti di piazza Indipendenza, parla del suo Paese. “Noi scappiamo da una situazione difficilissima. Il nostro paese viene chiamato la Corea del Nord dell’Africa, c’è un regime sanguinoso da più di 26 anni”, racconta. “Il servizio militare a vita è obbligatorio per tutti. A casa nostra non abbiamo una vita. Ecco perché scappiamo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, rifugiati di via Curtatone respingono le accuse di racket: “Bugie, mai pagato nulla. Ricevute? Ci pagavamo le pulizie”

prev
Articolo Successivo

Pistoia, l’arcivescovo: “Legami tra Casapound, Forza Nuova e certi ambienti ecclesiali? Non è una scoperta”

next