I migranti che dal 2013 occupavano un palazzo in via Curtatone a Roma, come i 450 eritrei protagonisti dello sgombero e dell’operazione di polizia che ha portato agli scontri del 24 agosto, erano già stati censiti. Un’operazione di polizia scattata all’alba del primo dicembre 2015 aveva permesso di conoscere gli occupanti del palazzo, il loro status e quant’altro. Le immagini pubblicate oggi dall’Ansa mostrano l’irruzione del 2015: la polizia blocca la piazza ed entra nello stabile occupato senza resistenze né incidenti. “Non abbiamo paura – spiegarono i rifugiati alla stampa – i controlli sono giusti. Anche noi ci organizziamo con controlli per chi entra e chi esce”. Ma la conoscenza delle condizioni di vita e dell’identità degli inquilini non è bastata, a quasi due anni di distanza, a trovare una soluzione alternativa, e i migranti sono diventati un problema di ordine pubblico che rilancia la polemica sulle responsabilità delle istituzioni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Maledetta Italia! Brucia tutto, aiuto”. L’incendio raggiunge il paesino calabrese, lei gira video con la voce rotta dalle lacrime

next
Articolo Successivo

Milano, ecco l’autore degli insulti al disabile nel parcheggio. Ripreso dalle telecamere mentre attacca il cartello

next