“Quello che è successo non è colpa nostra”. I rifugiati sgomberati dal palazzo di via Curtatone rispediscono al mittente tutte le accuse nel corso di una conferenza stampa organizzata per strada, a due passi da quella stessa piazza Indipendenza dove ieri la polizia è intervenuta per due volte per disperdere gli sgomberati con gli idranti.

Il bilancio della giornata di ieri vede quattro arresti – uno dei quali davanti alle telecamere de La7 – e quattro donne rifugiate in ospedale per le ferite riportate. Negano il lancio di oggetti. E sulla bombola a gas lanciata dalla finestra dicono sottovoce: Era una, ovviamente non era accesa e non è certo stata lanciata dal decimo piano ma dal primo: il palazzo non ha dieci piani”.

Ora sperano nel Vaticano. Sulle sistemazioni alternative offerte dal Comune di Roma spiegano: “Si tratta di soluzioni temporanee. Trovarci in queste stesse condizioni tra pochi mesi non è possibile. E comunque la proposta è quella di separare i nuclei famigliari. Noi vogliamo solo difendere i nostri diritti. Ce ne vogliamo andare dalla vostra terra. Toglieteci le impronte e lo faremo”.

Dopo i disordini e gli sgomberi di ieri, alcuni rifugiati hanno passato la notte a piazza Maslax, vicino alla stazione Tiburtina, presso il presidio Baobab Experience dove vengono ospitati i migranti transitanti della Capitale. “Abbiamo dormito sull’asfalto perché non c’erano abbastanza tende disponibili”, raccontano i pochi che stamattina sono ancora qui. Gli altri – i rifugiati dicono che erano in totale un centinaio – hanno lasciato il presidio intorno alle otto.

“Il Baobab ha ospitato una sessantina di persone stanotte”, spiegano dal presidio Roberto Viviani e Sonia Manzi. “Il municipio, quando ci ha prospettato questa soluzione, ci aveva detto che c’erano i bagni e le docce. Invece abbiamo dormito sull’asfalto“, dicono i rifugiati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sgomberi a Roma, per le scuse altri 15 anni. Come per la Diaz

next
Articolo Successivo

Napoli, morì in stazione Centrale: per gli operatori del 118 non c’erano ambulanze. Ma inchiesta li smentisce: ‘Ce n’erano 2’

next