C’è chi trova la propria America in Italia e chi invece se la vuole andare a prendere oltreoceano. Loredana Puca, nata a Napoli 32 anni fa, rientra senza dubbio nella seconda categoria. Laureata in Biotecnologie Mediche all’Università Federico II, già durante gli anni dell’università ha deciso di trascorrere un periodo all’estero: “Durante la specialistica ho fatto l’Erasmus Placement in un centro di ricerca vicino Parigi – racconta -, un’esperienza che mi ha permesso di affacciarmi sull’Europa e di capire quanto fosse diverso il modo di lavorare rispetto all’Italia”. Così, una volta messa in tasca la laurea, ha deciso di riprovarci con la capitale francese: “Avevo mandato richieste per fare un dottorato in varie città europee – ricorda -, ma quando mi hanno chiamato da Parigi non ho avuto dubbi e sono ripartita”.

Quattro anni di lavoro e studio dedicati a un progetto di biologia di base, con l’obiettivo di capire come agiscono i meccanismi molecolari di proteine in una cellula umana: “Quell’esperienza mi ha dato una formazione tale che alla fine mi sentivo pronta a fare qualunque cosa”, ammette. Era tempo di andarsi a prendere il sogno americano: “Alla fine del phD ho capito che nemmeno l’Europa mi bastava – scherza -, e New York era la mia scommessa da vincere”.

L’esperienza di Parigi mi ha dato una formazione tale che alla fine mi sentivo pronta a fare qualunque cosa

Determinata a raggiungere la Grande Mela, Loredana inizia a mandare application in varie università per accedere al post-dottorato: “Ho fatto vari colloqui e sono andati tutti bene – racconta -, ma alla fine ho scelto la Cornell University”. Ed è qui che da tre anni sta lavorando su un farmaco che colpisce in maniera selettiva il tumore neuroendocrino della prostata, uno dei più aggressivi: “Il progetto è basato sull’utilizzo di una ‘smart bomb’, un farmaco specifico per questo tipo di cancro – spiega -, l’obiettivo è quello di andare a bersagliare solo le cellule malate, un approccio diverso dalla chemioterapia, che invece colpisce anche quelle sane”. Un lavoro supportato dallo sviluppo di modelli di organi in 3D: “Siamo ancora in una fase iniziale – sottolinea -, ma questo processo ci permette di verificare il livello di tollerabilità del farmaco sui vari pazienti”. I risultati raggiunti nel campo dell’oncologia le hanno permesso di ottenere un riconoscimento importante, il Conquer Cancer Foundation Merit Award, ricevuto pochi mesi fa a Chicago.

Un premio figlio dei sacrifici e della solitudine: “L’ambiente statunitense è estremamente competitivo, ci sono più persone che lavorano su materie simili e tu devi imparare a distinguerti – ammette -, senza contare che non ci sono orari e che passi interi giorni da solo, a tu per tu con la tua ricerca”. Ma Loredana ha fatto suoi anche i frenetici ritmi americani: “Sono da sempre innamorata di New York e per me è una fortuna vivere qui – sottolinea -, ma è un posto che deve piacerti, altrimenti finisci per esserne fagocitato”. Una città che viaggia sempre a duecento all’ora: “A volte passeggio e mi sembra di essere una dei protagonisti dei telefilm che vedevo in tv – ammette -, ma adoro il fatto che ci sia sempre qualcosa da fare, è un posto pieno di stimoli culturali”.

Qui in Usa è estremamente competitivo e passi interi giorni da solo, a tu per tu con la tua ricerca. Ma adoro il fatto che ci sia sempre qualcosa da fare

L’Italia è quasi un ricordo sbiadito: “Non credo che riuscirei a riabituarmi a ritmi lavorativi del nostro Paese e poi avrei paura di perdere tutta l’indipendenza che ho conquistato vivendo lontano da casa”, ammette. Dell’università italiana, però, conserva un bel ricordo: “A New York ho capito quanto sia alto il livello della nostra formazione – ammette -, se non avessi ricevuto una preparazione di questo tipo non avrei raggiunto questi risultati”. Ma aprirsi a un’esperienza all’estero è fondamentale: “La ricerca medica è un lavoro globale, quello che scopro qui può essere applicato in qualunque altro posto del pianeta – conclude -, è importante sapersi confrontare con altre culture e aprire la mente a tutto quello che c’è”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biologo a Montreal. “In Italia lavoravo come un mulo per arrivare a stento a fine mese”

next
Articolo Successivo

Prof a Kyoto. “Tornare in Italia? Mi dicono che la mia generazione è già stata rottamata”

next