Prima Manchester, ora Barcellona. Per ben due volte Chris Pawley, 30enne britannico, è riuscito a scampare agli attacchi terroristici che si sono consumati davanti ai suoi occhi. A riportare la notizia è il Mail online che spiega che il giovane, residente a Manchester, si trovava a pochi metri dal centro della Rambla quando il furgone bianco ha investito decine di persone, uccidendone 13. Chris, che era in visita nella città catalana per un festival insieme al compagno Corey Lorde, ha raccontato di essersi trovato nella zona dell’attentato pochi secondi dopo l’accaduto. “Le prime notizie su cosa stesse succedendo le abbiamo ricevute attraverso i nostri cellulari e le notifiche. Solo dopo abbiamo visto i reporter con le telecamere e i servizi d’emergenza”. Chris, che ha lasciato subito l’area dell’attentato, ha spiegato che sono stati gli stessi alberghi a chiedere ai turisti di restare nelle proprie camere. Il 22 maggio scorso il giovane era riuscito ad evitare per pochi minuti l’attentato al concerto di Ariana Grande a Manchester. Aveva abbandonato l’arena poco prima che il terrorista si facesse esplodere causando la morte di 22 persone. “Siamo stati molto fortunati – aveva commentato poco dopo l’attacco – Siamo usciti nella zona in cui è esplosa la bomba. Abbiamo attraversato la seconda serie di porte e stavamo attraversando il ponte per scendere le scale quando si è verificata l’esplosione alle nostre spalle per una frazione di secondi. Così fortunatamente siamo riusciti a sfuggire all’impatto”.

Ma ancora più fortunata è stata Julia Monaco, una 26enne australiana che, dopo Londra e Parigi, è scampata anche un terzo attacco, quello di Barcellona. Era sulla Rambla, ma si trovava in un centro commerciale della zona e ha vissuto momenti di panico mentre veniva chiesto ai clienti di non uscire. A giugno era rimasta bloccata all’interno della metropolitana di Londra nel corso dell’assalto avvenuto vicino a Borough Market che ha causato la morte di 6 persone. E pochi giorni dopo si trovava a Notre Dame a Parigi quando un agente di polizia è stato accoltellato fuori dalla cattedrale. Julia, che si trova in Spagna per una vacanza, ha comunque deciso di continuare il suo percorso nel Paese iberico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Barcellona, la verità è orribile. Per questo non viene detta

next
Articolo Successivo

Attentato Barcellona, il covo di Alcanar saltato in aria per colpa degli esplosivi: “Volevano attacchi di maggiore portata”

next