La C-Star “ha rifiutato ogni aiuto”. Lo rende noto la ong Sea Eye che era andata in soccorso della nave anti-migranti in avaria. L’imbarcazione affittata dal movimento Generazione Identitaria allo scopo di ostacolare le ong che soccorrono i barconi provenienti dal Nord Africa ha avuto questa mattina un problema nelle acque internazionali tra la Tunisia e la Libia e doveva essere soccorsa da una delle imbarcazioni delle organizzazioni non governative che si propone di contrastare.

Secondo quanto ricostruito dalla stessa ong, l’equipaggio è stato contattato dalla missione Eunavformed ed è stato informato delle difficoltà dell’imbarcazione di Defend Europe. La C-Star, sostiene Sea Eye, “aveva inviato un cosiddetto messaggio ‘Pan Pan’ (una richiesta d’assistenza anche se la nave non corre pericolo immediato, ndr) e chiesto aiuto” al Centro di coordinamento dei soccorsi. Ed “essendo la Sea Eye la nave più vicina alla C-Star ci è stato chiesto di intervenire”. Una volta in zona, però, la nave di Defend Europe ha rifiutato qualsiasi intervento. “Contattati via radio – dice ancora Sea Eye – gli identitari hanno rifiutato ogni aiuto”.

Le difficoltà della C-Star, rese note dalla ong tedesca, erano state precedentemente confermate dalla stessa Defend Europe, la missione che si propone di ostacolare le ong. “La C-Star – scrive l’organizzazione – è incorsa in un problema tecnico di lieve entità durante la notte. Al fine di risolverlo prima che la nave navigasse in prossimità di altre imbarcazioni, il motore principale si è spento“. Questo, prosegue, “comporta che per il regolamento internazionale per prevenire abbordi in mare (Colreg), l’imbarcazione è considerata ‘senza comando’, e ciò è stato comunicato alle navi in prossimità, conformemente al regolamento”. Il problema, conclude Defend Europe, “sta per essere risolto”.

Il viaggio della C-Star, che da alcuni giorni transita davanti alle coste libiche con l’intento di disturbare l’azione delle imbarcazioni delle Ong e i soccorsi ai migranti, è stato fin dall’inizio travagliato. Dopo il fermo del comandante per 48 ore a Cipro, la nave non è mai riuscita ad attraccare in nessun porto a causa delle annunciate manifestazioni di protesta contro la missione dell’equipaggio di estrema destra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nord Corea: “Cancelleremo gli Usa”. Trump: “Pyongyang non sa cosa rischia”. Russia: “Rischio di conflitto è molto alto”

next
Articolo Successivo

Paura per Britney Spears: uomo fa irruzione sul palco di Las Vegas. Le immagini fanno il giro del mondo

next