Il dipartimento mamme del Pd? Non ci sono più mamme in Italia, siamo il Paese più anziano d’Europa e tra qualche decennio rischiamo di non avere più ragazzi italiani. Se uno vuole continuare la nostra razza, per dirla così, è chiaro che in Italia bisogna iniziare a dare un sostegno concreto alle mamme e alle famiglie. Altrimenti in Italia si rischia l’estinzione“. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) da Patrizia Prestipino, membro della direzione nazionale del Pd e neo-responsabile del dipartimento dem per la difesa degli animali. L’ex presidente del municipio romano dell’Eur difende pervicacemente le ultime iniziative del Pd, accolte sui social con critiche al vetriolo: “Tutto questo è coerente con quello che ha detto Renzi in campagna elettorale, non capisco le prese in giro. Renzi ha detto che si sarebbe occupato delle mamme. In Italia nascono sempre meno figli, la genitorialità viene spesso lasciata da sola, le mamme omosessuali, donne o uomini che siano, vanno aiutate. Poi, per carità, io sono a favore dello Ius Soli, ma è chiaro che in Italia non si fanno più figli, li stanno facendo ‘i nuovi italiani, grazie a Dio“. Prestipino, poi, racconta la sua reazione alla nomina di responsabile del dipartimento animali del Pd: “Matteo Renzi e Maria Elena Boschi sapevano da tempo della mia passione per gli animali. Certo, un dipartimento ad hoc nel Pd non c’era mai stato e mi fa molto piacere farne parte. Le rosse innamorate degli animali sono ovunque (Maria Vittoria Brambilla di Forza Italia, ndr) . Io non sono rossa, ma bionda. Però, insomma, anche il Pd ha la sua pasionaria. Proprio l’altro giorno” – continua – “ho trovato un cucciolo di rondine. E’ un rondinotto denutrito, che non riesce a volare e l’ho salvato. Ieri sera ha mangiato, stamattina rifiuta il vermetto. Ora devo trovare qualcuno a cui affidarlo per le prossime 24 ore, perché domani ho una riunione con Renzi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, Brunetta (FI): “Aboliti dal centrodestra nel 2011. Testo di oggi è incostituzionale e vetrina per Grillo”

next
Articolo Successivo

Vitalizi alla prova del voto, niente biotestamento, salta incontro Pisapia-Speranza. Segui la diretta con Peter Gomez

next