Le manifestazioni contro le leggi che limitano l’autonomia della magistratura polacca si sono svolte nei giorni scorsi in centinaia di città polacche. Sono stati decine di migliaia i polacchi scesi in strada nelle città più grandi come Varsavia, Cracovia e Wroclaw, ma anche nei centri più piccoli del paese. Le pressioni della piazza hanno convinto il presidente polacco Andrzej Duda a non firmare le leggi sulla Corte Suprema e sul Consiglio nazionale della magistratura che mettevano a rischio l’autonomia dei giudici polacchi, rimandandole in parlamento. (video di Katarzyna Mortoń, giornalista ed esponente del movimento polacco Committee for the defence of democracy. Twitter: @K_E_Morton)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Svizzera, uomo armato di motosega ferisce 5 persone: ricercato a Sciaffusa

prev
Articolo Successivo

Italiana uccisa in Kenya, marito: “Mi sento in colpa, volli comprare io la villa”

next