Ci sono voluti sette mesi. Finalmente lunedì 24 luglio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che renderà possibile il pensionamento immediato dei lavoratori ammalati perché esposti all’amianto. A renderlo noto l’Osservatorio Nazionale Amianto che avverte: il termine per il deposito della domanda è di 60 giorni e scadrà il 16 settembre 2017. I lavoratori che hanno contratto malattie asbesto – amianto correlate potranno accedere alla pensione di inabilità, anche se non si trovino nell’assoluta e permanente possibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa, a condizione, si legge, che “abbiano almeno 5 anni di anzianità contributiva, e 3 anni di contributi negli ultimi cinque anni antecedenti la data di deposito della domanda di pensione”.

“È una disposizione legislativa fondamentale che permette l’immediato pensionamento dei lavoratori esposti e vittime dell’amianto anche per coloro che, pur con le maggiorazioni contributive di cui all’art. 13 co. 7 della L. 257/92, non hanno ancora raggiunto l’età anagrafica e l’anzianità contributiva, che sono state via via innalzate, e che si prevede lo vengano ulteriormente per effetto del meccanismo stabilito dalla Legge Fornero”, spiega l’Osservatorio.

Il beneficio è riconosciuto a domanda, nel limite di 20 milioni di euro per l’anno 2017 e di 30 milioni annui per il 2018, con una particolare procedura di monitoraggio e una finestra annuale per la presentazione delle domande, così come già previsto per l’Ape sociale.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro stagionale, che ne sa Gramellini di cosa vuol dire fare la ‘sguattera’?

next
Articolo Successivo

Disoccupazione giovanile e Neet, ma chi lo sogna più un posto al sole?

next