La Commissione Ue ha raccomandato al Consiglio la chiusura della procedura per deficit eccessivo nei confronti della Grecia, alla luce dei “sostanziosi sforzi degli ultimi anni fatti per consolidare i suoi conti pubblici”, scrive Bruxelles. Per il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici si tratta di “un momento molto simbolico per la Grecia, dopo anni di sacrifici del popolo greco”. A maggio il Parlamento ellenico ha votato tra le proteste di piazza un nuovo pacchetto di misure di austerità in cambio dell’esborso di una tranche di aiuti da 8,5 miliardi compresa nel piano di salvataggio da 86 miliardi concordato nell’estate 2015.

“Un altro segnale positivo sulla ripresa del Paese”, ha detto il vicepresidente Valdis Dombrovskis. “Invito la Grecia a costruire sui suoi successi e a continuare a rafforzare la fiducia nella sua economia, che è importante per preparare il ritorno sui mercati finanziari”. Nel frattempo il governo di Alexis Tsipras ha inviato al Fondo monetario internazionale la richiesta di un prestito da 1,6 miliardi di euro, proponendo in cambio la realizzazione di una serie di riforme comprese la limitazione del diritto di sciopero e la liberalizzazione di varie professioni. A scriverlo è il quotidiano ellenico Kathimerini.

Tra gli impegni dell’esecutivo, anche quello di adottare nuove misure di austerità nel caso non vengano raggiunti gli obiettivi finanziari del terzo pacchetto di salvataggio, oltre a quello di porre un tetto ai contratti a tempo determinato nel settore pubblico per gli anni 2017 e 2018.. Prima di quella data, la Grecia ha previsto di iniziare a finanziarsi sui mercati.

Intanto Berlino fa il conto dei guadagni ottenuti grazie alla crisi greca in termini di interessi e profitti sui bond ellenici: 1,34 miliardi di euro. A fornire la cifra è stato il ministero delle Finanze tedesco rispondendo a un’interrogazione parlamentare dei Verdi, secondo quanto scrive la Sueddeutsche Zeitung. Per i prestiti della Banca statale KFW, il guadagno tedesco in termini di tassi è stato di 393 milioni di euro. Mentre per l’acquisto di bond da parte della Bce, dal 2015, i profitti della Germania ammontano a 952 milioni. “Sarà anche legale che la Germania guadagni sulla crisi della Grecia, ma legittimo, nel senso morale della solidarietà, non è”, ha commentato il verde Sven-Christian Kindler.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, anche Frontex chiude all’Italia: ‘Altri Stati non disponibili ad aprire porti’. M5s: ‘Renzi ci ha svenduti per gli 80 euro’

prev
Articolo Successivo

Migranti, Macron: “Francia non sempre ha fatto la sua parte sui rifugiati, ma non accoglieremo quelli economici”

next