Dopo aver invocato un’alleanza contro le forze populiste ed aver escluso una sua ‘discesa in campo’, con l’intervista di stamane, il Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, pare tratteggiare un vero e proprio programma di governo per la prossima legislatura. Calenda resta al riparo dalla lotta politica, per essere pronto – qualora la situazione lo richiedesse –  e fosse chiamato come l’uomo in grado di guidare un governo di larghe intese? “Nella prossima legislatura io mi troverò un lavoro” prova a smarcarsi il ministro. D’altro canto le elezioni sono ancora lontane. Meglio non ‘bruciarsi’. Eppure Calenda resta una delle personalità ‘tecniche’ più stimate fuori e dentro la politica. Anche uno dei suo predecessori illustri al Mise, Pier Luigi Bersani ne tesse le lodi: “Apprezzo molte cose che ha fatto Calenda. Ha personalità, lo trovo in palla a differenza di molti altri, poi vedremo cosa farà”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Condanna Lega, caso Cucchi, ddl Antifascismo. Segui la diretta con Peter Gomez

prev
Articolo Successivo

Ddl antifascismo, Fassina: “5 Stelle furbetti. Come sui migranti cercano voti a destra”

next