Il tribunale di Sorveglianza di Bologna si è riservato di decidere. Per sapere se il ricorso del difensore di Totò Riina verrà accolto o meno bisognerà attendere ancora qualche giorno. Per il capo dei capi di Cosa nostra, l’avvocato Luca Cianferoni aveva chiesto il differimento della pena o la detenzione domiciliare per motivi di salute.

Il procuratore generale, Ignazio De Francisci, nel suo intervento, ha chiesto che l’istanza dell’avvocato venga respinta. L’udienza è durata circa un’ora, a porte chiuse in una delle aule penali del tribunale, con Riina collegato in videoconferenza, dall’ospedale di Parma, dove è detenuto al 41 bis.

Il collegio dei giudici della Sorveglianza, presieduto da Antonietta Fiorillo, nel decidere sull’istanza dovrà tenere conto della recente pronuncia della Cassazione su un ricorso di Riina: la Suprema Corte aveva affermato l’esistenza di un “diritto a morire dignitosamente” e aveva scritto che il tribunale, nel motivare il precedente diniego, aveva omesso “di considerare il complessivo stato morboso del detenuto e le sue condizioni generali di scadimento fisico”. Durante l’udienza l’avvocato Cianferoni ha mostrato una relazione di quattro pagine dell’ospedale Maggiore di Parma, che certificherebbero “l’aggravarsi progressivo e netto del quadro clinico di Riina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messina, colpito clan Santapaola a Messina: 30 arresti. Tra loro un avvocato, un funzionario Comune e imprenditori

next
Articolo Successivo

Mafia, nuove regole nella caccia a Messina Denaro: “Polizia e carabinieri dovranno collaborare”

next