“I ragazzi stranieri in Italia, perfettamente integrati, hanno diritto di essere cittadini italiani, più degli italiani all’estero che forse hanno dimenticato la loro terra”. Lo ha detto a Lamezia Terme il presidente del Senato, Pietro Grasso, nel corso di un incontro di Trame, il festival dei libri sulle mafie (fino al 25 giugno). “Mio nipote – ha aggiunto il presidente Grasso – parla dei propri compagnetti che non sono italiani come se lo fossero. Se gli chiedo da dove viene Cheng, col quale gioca a pallone, mi risponde ‘da Roma’, senza porsi altre domande. Questo significa che l’integrazione è già avvenuta“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Divorzio, giudice di Milano: “Sentenza sul tenore di vita da applicare sui processi in corso. Resta da valutare il singolo caso”

prev
Articolo Successivo

Ius soli, l’accoglienza ha senso solo se accompagnata da concreta integrazione  

next