“Mi riferiscono di queste dichiarazioni di Fiano, voglio credere che non siano esatte, perché sarebbe abbastanza allucinante: non si può cacciare uno perché davanti alla Giustizia dice una verità o una sua dichiarazione scomoda per il governo. Queste sono cose assolutamente fuori dal seminato”. Pier Luigi Bersani stenta a credere a quanto detto da Emanuele Fiano in tv sul caso Consip.

“Qui ci sono due verità contrapposte (quella dell’ a.d. di Consip Luigi Marroni e quella del ministro Luca Lotti, ndr) se si vuol far un passo indietro devono farlo tutti e due in attesa che la magistratura chiarisca. Qui non c’è da cercare capri espiatori o da chiedere alle gente di cambiare versione per salvarsi la pelle, perché alla fine si ha questa impressione. Spero ci si renda conto che l’opinione pubblica è sconcertata da queste cose qua”.  

Cosa chiede Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti“Si sospendano le deleghe al ministro dello Sport Luca Lotti, dopodiché si tengano al pari le condizioni di tutti quelli che sono coinvolti in questa vicenda. La magistratura chiarirà e se non c’è nulla benissimo: è una cosa normale, si fa così un po’ dappertutto, così da non dar l’impressione che si vuol far pressione su una delle parti e una sola, tra l’altro su una persona non indagata..francamente”. Cioè Marroni.

“Acrimonia? Non c’è nessuna acrimonia personale, qui parliamo di cose serie: di problemi politici e di governo. Consip – continua Bersani – è la più grande centrale acquisti d’Europa. La gara che stan facendo, è la più grande d’Europa: 2,7 miliardi di euro. Non parliamo di noccioline. E se siamo nella maggioranza potremo dire la nostra, per esempio su Consip”. Proprio quanto detto in Aula in Senato ieri dal collega di Bersani, il senatore Miguel Gotor, “Consip e Banca Etruria sono vicende che raccontano del potere ‘a km zero’ con squadra e compasso toscano” hanno acceso le polemiche con il Pd.

“Io che non sono Gotor – afferma Bersani – ma l’ho sempre detto: ci sono troppe cose in poche chilometri. E’ un insulto a qualcuno dirlo o è una fotografia della realtà? Non si può trasferire quel sistema di relazioni che sta in trenta chilometri e metterlo nel cuore del Paese. Questa cosa non sta in piedi e mica Bersani o Gotor, ma gli italiani non capiscono”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Diritto d’autore, Fedez contro Franceschini: “Su monopolio Siae è in conflitto di interessi. Andate a vedere che lavoro fa sua moglie”

next
Articolo Successivo

Torino, Appendino: “Gli scontri? Non si devono più ripetere. Intollerabile resistere ai controlli. Ritrovare senso civico”

next