Puntuale come ogni anno, in piazza Duomo, a Milano, sbarca oggi il concerto di Radio Italia, il più grande evento gratuito di musica italiana realizzato dall’emittente radiofonica in collaborazione con il comune di Milano. L’appuntamento è per le 19.45, in diretta televisiva su Nove e RealTime, così come sulle frequenze di Radio Italia.

La conduzione è affidata di nuovo a Luca & Paolo, per la prima volta in diretta, mentre nel backstage ci sarà Serena Rossi (che ha condotto gli speciali Radio Italia Live su Real Time) e tra il pubblico la speaker Manola Moslehi. Tutto live, con l’Orchestra Filarmonica Italiana diretta da Bruno Santori ad accompagnare le esibizioni dei tanti cantanti che si susseguiranno sul palco: Alessandra Amoroso, Benji e Fede, Andrea Bocelli, Emma, Francesco Gabbani, Giorgia, J-Ax e Fedez, Fiorella Mannoia, Nek, Samuel, Umberto Tozzi & Anastacia, Elodie e Lele.

Il concerto di Radio Italia ha sempre riempito fino all’inverosimile piazza Duomo, ma quest’anno la situazione è assai diversa, soprattutto dopo i recenti fatti di Manchester. Se lo scorso anno gli spettatori erano stati 60mila, infatti, quest’anno ci si dovrà accontentare di molto meno, visto che le autorità hanno limitato l’accesso a 23.500 persone, tutte controllate una per una. Quando verrà raggiunta la capacità massima stabilita, gli addetti alla sicurezza manderanno a casa il pubblico in più, consigliandogli di guardare il concerto in televisione. Essendo un appuntamento gratuito e senza necessità di biglietto, però, non sarà facile far capire la cosa a chi si troverà costretto a tornare a casa, magari dopo ore di fila.

Ma la situazione è questa e la prudenza non è mai troppa. La piazza sarà divisa in due aree: una vicina al palco, per entrare nella quale è consigliato l’arrivo entro mezzogiorno, e una più distante (con ingresso consigliato dalle 16). Per stemperare la tensione che ormai questi eventi provocano in organizzatori e autorità, ieri è stato lanciato un appello al pubblico affinché indossi una maglietta bianca, all’insegna dell’hashtag #lamusicaèpiùforte. “Ci piacerebbe che la piazza fosse bianca – ha detto il fondatore di Radio Italia Mario Volanti – in segno di rispetto per i recenti fatti ma anche per unirci insieme più degli anni scorsi. La musica è più forte, ci sarà sempre e sarà sempre pace, purezza e libertà”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Karl Böhm, l’incorreggibile perfezionista della musica classica

prev
Articolo Successivo

Targhe Tenco 2017, chi ha vinto e chi avrei premiato io

next