“Quando giri ci sono sicuramente dei momenti in cui provi piacere. Con Rocco è capitato”. La pornodiva Malena La Pugliese racconta così la sua esperienza sul set insieme al re dell’hard, Rocco Siffredi. Intervistata da Giuseppe Cruciani durante il programma La Zanzara, ha elogiato il suo mentore ai microfoni di Radio 24: “Rocco è ancora in gran forma. È come se per lui il tempo si fosse fermato. Nella mia vita, non ho mai visto nulla del genere”. I due a Budapest hanno girato il loro secondo film insieme, dove Siffredi è sia attore che regista. “Si chiamerà Sex Analyst” ha rivelato Malena: “Interpreto una ragazza ninfomane si rivolge a un medico, Rocco, per curarsi. Lui mi analizza e mi fa provare certe cose per esplorare la mia sessualità”.

Filomena Mastromarino, questo il suo vero nome, originaria di Gioia del Colle, nel 2013 è stata eletta all’Assemblea nazionale del Pd. Dopo una carriera di agente immobiliare è entrata nel mondo dei film porno, dove è presto diventata la pupilla di Rocco Siffredi. La notorietà è arrivata con la dodicesima edizione del Grande Fratello, popolare reality di Canale 5, dove si è classificata quarta per poi tornare sul set. Cruciani e Parenzo la stuzzicano: “Dietro un grande amplesso ci deve essere intesa?”, ma l’attrice risponde sorridendo, ammettendo di aver avuto un paio di orgasmi. “Comunque quando lavori devi mantenere alta la concentrazione”. Alcune clip sono già disponibile online: “È uscita solo una parte, poi verrà il film intero”.

“Se non ci fossero donne come me” ha rivendicato l’attrice con una punta di orgoglio “ci sarebbero uomini più tristi. Io regalo emozioni alle persone”. Cruciani ha incalzato l’ex naufraga anche sul recente attacco della showgirl Patrizia Pellegrino, che l’ha chiamata “prostituta” a Pomeriggio 5 di Barbara D’Urso. “Patrizia Pellegrino ha parlato di mercificazione del corpo…Ma lei ha fatto dei servizi e  copertine nuda per Playboy e Playmen” ha risposto Malena. “Certo, non è fare un film hard, ma anche lei ha venduto il suo corpo per fare carriera”. Quello di attrice porno, secondo l’ex delegata Pd: “È una professione a tutti gli effetti. Fare la pornostar non è solo farsi montare, così sminuite il lavoro”. Malena, rispondendo alle insinuazione di Parenzo, ha sottolineato il sessismo con cui vengono giudicate le donne che entrano nell’azienda cinematografica a luci rosse: “Ognuno del proprio corpo fa quello che vuole. Se lo fa un uomo è un eroe nazionale, se lo fa una donna è una p*****a. Questo è assurdo”.

Un mestiere di cui va orgogliosa, anche se non piace alla mamma: “Mia madre non ha mai visto le mie scene e credo che non lo farà mai. Non condivide quello che faccio, ma i nostri rapporti sono normalissimi”. E a Parenzo, che si preoccupa per quel che potrebbero vedere i suoi genitori, risponde: “Secondo me sarebbe peggio avere un figlio drogato”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caro Fabrizio Bracconeri, secondo me ti manca un amico musulmano. Mi candido io

prev
Articolo Successivo

Bagnini e bagnanti, i latin lover delle spiagge italiane protagonisti di un documentario: “Ma oggi i giovani bagnini cuccano su Tinder”

next