La convergenza tra Pd, M5s e FI sul modello di legge elettorale “non prevede accordi sul voto anticipato”. A dichiararlo prima dell’ingresso in Parlamento è il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, che però ribadisce la volontà del Movimento di “fare la legge elettorale per andare subito ad elezioni”. “Poi le leggi importanti per il Paese le faremo noi”, risponde a chi domanda del destino di una serie di provvedimenti che rischiano di mancare il passaggio in aula se la legislatura dovesse interrompersi. Compresa la legge di bilancio, che negli auspici di Di Maio deve essere “una legge fatta da un governo legittimato dal popolo”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Legge elettorale, Sannicandro (Mdp) vs Pd, M5s, Fi e Lega: “Ladroni di democrazia”. È bagarre con Fiano

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, ok in commissione alla riforma firmata Pd-M5s-Forza Italia. Di Maio promette battaglia sulle preferenze

next