Densi Verdini è soddisfatto della nuova legge elettorale: “E’ una legge che si avvicina molto a quella proposta da noi. Il sistema tedesco – spiega il senatore, presidente del Gruppo ALA- prevede dopo le elezioni un governo di coalizione”. Renzi con Berlusconi? “E’ una coalizione dei possibili, quindi io penso rientra un po’ nella storia nostra”. Nuovo ‘Patto del Nazareno’ senza Verdini? Non sono amareggiato, da un punto di vista politico noi la pensiamo così”. Reggerà questo nuovo patto? “Speriamo di sì” auspica l’ex braccio destro di Berlusconi, che alla domande se fatta la legge elettorale, poi ci saranno elezioni anticipate, Verdini risponde: “Fatta le legge elettorale, poi, visto che la la legislatura è tendenzialmente finita da tempo, dipenderà dal Capo dello Stato, non dalle nostre voglie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Animalisti in politica, Alessandra Mussolini: “Il cane? Candidato per l’Italia centrale. I sorci me li cura la Raggi”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Gentiloni: “Riflessi su stabilità Paese? Il governo vuole mantenere i suoi impegni”

next