Le auto d’epoca si stanno vedendo sempre più spesso. E piano piano prendono spazio anche nei video musicali.

Come nel video dell’ultimo singolo di Fabio Rovazzi, Volare, che, insieme a Gianni Morandi, a un certo punto gira su una Cadillac. Non è la prima volta che il cantante e videomaker milanese usa un’auto americana in un sua clip. E non è neanche la prima volta che scoppia la polemica.

Con Tutto molto interessante era nata una discussione per il presunto plagio della prima parte del video di Mr. Thunder del rapper Salmo. Adesso la situazione è simile, ma con un altro rapper: si chiama Doro Gjat e arriva dal Friuli, precisamente dalle montagne della Carnia. Fresco di partecipazione al Concertone del primo maggio, non era passato inosservato ai radar di Quartamarcia. Nel video Vai Fradi, infatti, si vedono tante auto d’epoca, tra cui ‘l’attrice principale’, una Autobianchi Bianchina. E con la Bianchina, il rapper segue una croce rossa disegnata su una cartina geografica, per poi arrivare a una grande X sull’asfalto.

La stessa cosa succede anche nell’ultimo video di Rovazzi. Al posto della Bianchina compare una cabriolet americana, ma alcune scene paiono effettivamente molto simili. Doro Gjat ha dato il via alla polemica su Facebook in modo molto scherzoso.

Premesso che se la “minaccia” di calare su Milano con due pullman pieni di vino e formaggio dovesse diventare realtà, si assisterebbe alla festa più interessante del 2017, noi di Quartamarcia stiamo dalla parte di Doro Gjat. Per un semplice fatto: la Bianchina è stile, è storia, è Fantozzi. Insomma, è Italia. Anche Gianni Morandi sarebbe d’accordo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ford cambia Ceo, per il destino dell’auto forse la professionalità non basta

prev
Articolo Successivo

Eterno Sergio Marchionne, che sarà di Fca dopo di lui?

next