Congolese, alto 2 metri e 13 centimetri, fisico da lottatore di wrestling, acconciatura curatissima. Si tratta di Makao e come lavoro fa il body-guard del nuovo presidente della repubblica francese Emmanuel Macron. La sua presenza non passa inosservata e le sue immagini pubblicate sui social, lo hanno fatto diventare una star. Nel corso della campagna elettorale, il leader di En Marche! ha più volte invitato, scherzando, l’uomo che lo protegge a star attento a non cadere: altrimenti “ammazzi qualcuno”.

Nato a Kinshasa, in Congo, Makao si fa notare anche per la vistosa acconciatura afro con pizzetto e sopracciglia con dettaglio bianco. A Parigi l’hanno ribattezzato Golia. Di lui non si conoscono tanti dettagli, ma il suo lavoro – scrivono i media francesi – fino ad ora è stato perfetto. E il rapporto tra il body-guard ed il suo “protetto” è “molto buono”. Dopo il grande interesse suscitato da Brigitte Trogneux, moglie di Macron, più grande di lui di 24 anni e sua professoressa del liceo, i riflettori sono accesi anche sulla sua guardia del corpo. “Tutti facevano la fila per un selfie con lui”, ha raccontato durante la campagna elettorale la giornalista della France Press, Marie Dhumieres, che ha fotografato Makao ad un evento pubblico presenziato dal 39enne che ha travolto al ballottaggio Marine Le Pen.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela, ancora scontri e proteste. Lacrimogeni per disperdere i manifestanti anti-Maduro

next
Articolo Successivo

Corea del Sud, eletto presidente Moon Jae-in. Favorevole a dialogo con Pyongyang e meno dipendenza dagli Usa

next