Il primo maggio un traghetto in partenza dal porto di Monterosso alle Cinque Terre è finito sugli scogli davanti al paese, a circa 90 metri da riva. Informata alle 13,30 la sala operativa della Capitaneria di porto di La Spezia, immediatamente partivano una motovedetta della Guardia costiera e un’imbarcazione dei Vigili del fuoco, oltre a un elicottero della Guardia costiera. A bordo del ”Golfo dei Poeti”, questo il nome dell’unità, al momento dell’incaglio c’erano 80 persone (75 adulti e 5 bambini), che venivano portate a terra con la zattera di salvataggio dell’unità e con l’ausilio di altri mezzi della cooperativa navigazione golfo dei poeti. Tutte le persone, compresi i bambini, giungevano a terra sani e salvi e nessuno necessitava di cure mediche. Dopo le prime valutazioni tecniche sull’incidente, è stato inviato in zona un rimorchiatore di stanza nel porto della Spezia e un’unità della Sepor per l’eventuale recupero del gasolio presente nei serbatoi. Nel frattempo, alcuni militari della Guardia Costiera imbarcati sulla motovedetta riuscivano a salire a bordo per verificare la falla che si era aperta nell’unità. Inoltre le immagini dall’alto fornite dall’elicottero della Guardia Costiera non rilevavano alcuna fuoriuscita di gasolio dall’unità scongiurando nell’immediatezza eventuali conseguenze ambientali. Tenuto conto delle dimensioni della falla il team di esperti convocato in Capitaneria di Porto decideva, d’accordo con l’armatore, di portare l’unità sulla spiaggia in sicurezza per evitare che il continuo movimento sulla scogliera ne determinasse l’affondamento. La manovra di spiaggiamento si è conclusa con successo alle ore 16.30 circa scongiurando ben più gravi conseguenze

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donne rom in gabbia, non basta il sostegno di Salvini a salvare gli operai Lidl. Anzi

next
Articolo Successivo

Migranti, Salvini al Cara di Mineo: “Qui buttiamo 100 mila euro al giorno. E ci sono solo 14 siriani”

next