Ludovica è una ragazza di Napoli che guadagnava 25 euro per oltre 10 ore di lavoro in un locale del centro storico. Fino a quando è stata “licenziata” per non aver accettato le battute sessiste sul luogo di lavoro. Senza preavviso, dall’oggi al domani: “Perché tanto non abbiamo diritti, non esistiamo”. La sua è una delle storie scese in piazza oggi per ricordare i lavoratori in nero (guarda il video della manifestazione), gli “invisibili”. Insieme a lei c’è l’operatrice turistica “a chiamata”, non regolarizzata e precaria nonostante il boom del settore turistico a Napoli. Ma anche chi ha un contratto che di part-time ha solo la paga mentre l’orario e i sacrifici sono più che full-time. In occasione del Primo Maggio si sono dati appuntamento per sfilare coperti da lenzuola: i “fantasmi del lavoro nero”, appunto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primo maggio, vogliamo un’Italia fondata sul lavoro ‘sano’

prev
Articolo Successivo

Croce Rossa Cantù, volontari anonimi: ‘Turni da più di 12 ore’. Presidente: ‘Falso. E non considero denunce non firmate’

next