L’iFuk VR della linea Love Botz della XrBrands.com è infine la punta di diamante della masturbazione maschile all’epoca delle riproduzione dell’immagine virtuale. Per 200 dollari i possessori dell’iFuk possono scaricare dalla app apposita i file che permettono la personalizzazione della gamma di combinazioni per creare la propria partner virtuale. Inserita l’enorme mascherona con cuffie, e maneggiati con cura dallo smartphone i comandi, va poi inserito l’enorme cilindro masturbatore a forma di vagina fornito nel pacco regalo. Chi l’ha già provato dice che è un’emozione pazzesca, ma che ci vuole anche un po’ di pazienza per riuscire a concatenare tutti i movimenti delle mani.

INDIETRO

Sex Toys, i dildo sono uno dei oggetti più acquistati online: le novità? Dal goliardico ‘Clone-a-Willy” all’impegnativo The Rumpy

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Escort e incinta, la storia di Summer: “È diritto di una donna prostituirsi anche in gravidanza”

next
Articolo Successivo

100 dollari per 20 minuti su Skype, senza fare sesso. Storia della escort Olivia Coxxx, maestra di “findom”

next