Sex toys che passione. I dildo e compagnia vibrante sono oramai una delle realtà commerciali e creative più attive e richieste online. D’obbligo allora un aggiornamento ragionato e semiserio su alcune novità del settore di questa primavera 2017. Vuoi per l’affermarsi della bella stagione, vuoi per l’assoluto piacere di mangiare un gelato talvolta anche in solitaria, ecco arrivare sul mercato l’ i-Scream. Simpatico gioco di parole e assonanze, che solo la lingua inglese regala in questi casi senza scadere nella volgarità, per il nuovo vibratore prodotto da quei mattacchioni della Shiri Zinn. Venduto attorno alle 50 sterline, il grazioso cono gelato con pallina di vaniglia e cacao liquido sulla sommità viene venduto dentro ad una confezione vintage anni ’50 che consente perfino di ospitare un mini software con relative mini casse che permettono l’ascolto di brani jazz dell’epoca delle big band. Cento per cento silicone per una morbidezza assoluta al tatto, e cento per cento impermeabile, l’i-Scream si presenta con ben dieci velocità di vibrazioni differenti. Per chi lo volesse usare come oggetto d’arredamento, oltre ad un ricercato buon gusto, può usufruire su richiesta di un porta cono proprio come nelle migliori gelaterie.

Sex Toys, i dildo sono uno dei oggetti più acquistati online: le novità? Dal goliardico ‘Clone-a-Willy” all’impegnativo The Rumpy

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Escort e incinta, la storia di Summer: “È diritto di una donna prostituirsi anche in gravidanza”

next
Articolo Successivo

100 dollari per 20 minuti su Skype, senza fare sesso. Storia della escort Olivia Coxxx, maestra di “findom”

next