Arriva in prima visione assoluta in Italia su Crime+Investigation (canale 118 di Sky) dal 20 aprile alle 22:00 Ti amo ma ti odio: Tutti pazzi per il sesso, la serie piccante che si immerge nelle peggiori esperienze sessuali di alcune coppie di innamorati.

Una notte di passione finisce in maniera grottesca; quello che nasce come un appuntamento per mettere un po’ di pepe nel rapporto di coppia termina in una serata da dimenticare: a volte il sesso può rivelarsi davvero imbarazzante. Persone comuni e racconti bizzarri, situazioni al limite, storie imbarazzanti di coppie insospettabili che svelano i loro piccoli, lussuriosi segreti. Attraverso ricostruzioni e interviste in prima persona la serie ripercorre le più scandalose avventure, partite con grande entusiasmo e finite spesso nel ridicolo.

Nella prima storia ci si trova di fronte a una situazione comune, una ragazza alza troppo il gomito e finisce per dormire, ma solo per dormire con il ragazzo dei suoi sogni. Esce nuda dalla porta della sua stanza d’albergo pensando sia la porta del bagno e si imbatte in un’agente di sicurezza che la porta alla Centrale di Polizia.  Nella storia successiva invece una coppia di giovani sposini incomincia a fare sesso in pubblico e vengono ripresi. Nell’ultimo episodio infine un’agente immobiliare fa sesso con un suo collega nella casa appena venduta dimenticandosi però che il sistema di video sicurezza ha registrato tutto. In tutti e tre le storie è l’adrenalina la vera protagonista che si unisce al sesso, producendo un mix sorprendente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il super-orgasmo non è un tabù: tutte le donne possono provarlo

prev
Articolo Successivo

Il punto G non esiste. E allora perché hanno inventato una bambola del sesso con il G-spot?

next