3. Una maglia dell’Inter e una del Milan con lo stesso nome

Franco e Giuseppe Baresi

Quando non siete sicuri della squadra per cui tiene il potenziale datore di lavoro, assicuratevi di avere due maglie per ogni derby, magari con lo stesso nome sopra. Utile per cambiare in corsa qualora abbiate scelto quella sbagliata. Potrete sempre giustificarvi dicendo: no, è che ho un gemello scansafatiche e bamboccione dell’altra squadra che è andato all’estero e sta bene là, ma ha lasciato la sua maglia qua.

INDIETRO

Poletti, sette maglie per fare bella figura col ministro e trovare lavoro al calcetto

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, come ti tiro una punizione perfetta. Neymar la tocca con precisione

next
Articolo Successivo

Russia 2018, il gollonzo dell’Iran che mette nei guai la Cina di Lippi

next