5. Maglia dello Scudetto della Sampdoria, per un calcetto da ripresa economica dei primi anni 90

Roberto Mancini e Gianluca Vialli

Avete anche voi, riguardando vecchie foto della Serie A, quella sensazione di frode e fregatura generata dallo sguardo che si posa su un’immagine di Gianluca Vialli con i capelli e Roberto Mancini che sorride contento? Se ce l’avete, è perché Vialli non ha mai avuto i capelli e Mancini non ha mai sorriso contento, era tutto merito della bellezza oggettiva della maglia della Sampdoria di quegli anni. Funzionerà anche con voi, specie se non trovate lavoro da parecchio tempo.

INDIETRO

Poletti, sette maglie per fare bella figura col ministro e trovare lavoro al calcetto

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, come ti tiro una punizione perfetta. Neymar la tocca con precisione

next
Articolo Successivo

Russia 2018, il gollonzo dell’Iran che mette nei guai la Cina di Lippi

next