di Simone Vacatello, responsabile editoriale Crampi Sportivi

L’ha detto il ministro in persona: per trovare lavoro partecipare al calcetto settimanale è più utile che inviare curriculum. E allora ci perdonerete, ma non ci si può presentare al più importante appuntamento del vostro futuro prossimo vestiti male, o con completini assemblati che ricordano quelle feste di carnevale delle medie in cui ci si improvvisava arlecchini per non restare chiusi fuori dall’oratorio. Come incentivo alla vostra assunzione, come fossimo dei voucher con una tastiera davanti, vi indichiamo perciò i 7 completini perfetti per trovare lavoro al calcetto, e fare bella figura col ministro Poletti. Partiamo dal fondo.

7. Per un calcetto operaio e minimale, ma con stile – Maglia del West Ham

I due martelli incrociati come simbolo della volontà di sporcarsi le mani e spaccarsi la schiena. Tanto più che non ci sono falci in mezzo, così nessuno potrà equivocare. Una questione di praticità, oltre che di effettiva fantasia dei colori. Se una maglietta del genere stava bene addosso a uno come Bobby Moore, che aveva esattamente l’espressione dell’addetto alla logistica aziendale, starà bene anche addosso al vostro sorriso accondiscendente.

Poletti, sette maglie per fare bella figura col ministro e trovare lavoro al calcetto

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calcio, come ti tiro una punizione perfetta. Neymar la tocca con precisione

next
Articolo Successivo

Russia 2018, il gollonzo dell’Iran che mette nei guai la Cina di Lippi

next