Chi ha inventato il logo del Lingotto, il trolley verde mantide, voleva forse alludere a un partito leggero e “portatile”, come la Lega di Bossi che esportava fondi elettorali in Tanzania o come il trolley sopra-le-righe di Federica Gagliardi, la Dama Bianca di Berlusconi, che importava 24 chili di liberismo dal Venezuela.

Ma la crisi senza fine dell’Italia e del partito, squassato dallo scandalo Consip, fa piuttosto pensare al trolley di quel ragazzino migrante che tentò di superare la dogana senza pensare ai raggi X del controllo bagagli. Se Matteo Renzi avesse davvero voluto dare un segnale di umiltà avrebbe dovuto scusarsi col paese e con la base per aver mentito sull’uscita dell’Italia dalla crisi, né più né meno di come faceva il suo predecessore B., quando ripeteva che “I ristoranti sono pieni” ecc. ecc.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Crozza-Emiliano contro Renzi: “Io creo panico, sono la scheggia impazzita della politica italiana”

prev
Articolo Successivo

Global service, i giornali sposano la fake news di Renzi: “Nugnes suicida per l’inchiesta”. Ma la vecchia indagine su Romeo non c’entra

next