Harrison Ford stava per cascarci di nuovo. Letteralmente, visto che, a bordo del suo aereo, ha sfiorato la collisione con un volo di linea dell’American Airlines, con oltre 110 persone a bordo. Il teatro di questo nuovo brivido in volo per l’attore di Indiana Jones, Blade Runner e Guerre stellari è stato l’aeroporto John Wayne di Orange County, California, e la responsabilità è tutta di Ford, visto che è atterrato sulla pista di rullaggio anziché su quella di atterraggio, in barba alle regole fondamentali di chi vola.

Secondo la Nbc, la Federal Aviation Administration avrebbe già aperto un’inchiesta sull’accaduto. Ma Ford non è nuovo al brivido in volo, visto che due anni fa era rimasto gravemente ferito dopo un atterraggio di fortuna su un campo di golf a Santa Monica, mentre nel 1999 era caduto con un elicottero.

L’Husky privato dell’attore, dunque, stava per scontrarsi con un Boeing 737 che stava per decollare con destinazione Dallas, mentre due anni fa, quando si era schiantato su un campo di golf, era ai comandi di un aereo d’epoca della seconda guerra mondiale. Nel 2000, invece, il Beechcraft Bonanza di Ford era stato costretto a un atterraggio di emergenza a Lincoln, Nebraska. Harrison Ford è un apprezzato pilota, con molte ore di volo e una reputazione eccellente nell’ambiente. Evidentemente, però, è molto sfortunato. E fortunato allo stesso tempo, visto che non è la prima volta che rischia la pelle per soddisfare il suo hobby adrenalinico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hugh Jackman, nuova operazione per un tumore alla pelle

prev
Articolo Successivo

Madonna malata canta (a letto) per gli innamorati

next