In tempi di crisi economica ci sono pochissimi settori che continuano a crescere e ancora meno quelli che hanno bisogno di assumere nuovi dipendenti. Problemi che però non sembrano sfiorare l’industria delle armi. Kalashnikov, la nota azienda russa che ha inventato l’AK-47, ha bisogno di aumentare il proprio personale del 30% perché, spiegano dagli uffici di Mosca, “non riusciamo a coprire tutti gli ordini”.

La società che produce uno dei fucili d’assalto più venduti al mondo conta attualmente 5.500 dipendenti ma ne ha bisogno di almeno altri 1.700 nel 2017. L’obiettivo è quello di coprire le richieste inevase dai clienti internazionali: verranno quindi assunte varie figure professionali, dagli ingegneri agli operai semplici. “In seguito alla crescita dei volumi di produzione, che è stata sostenuta dall’aumento del numero di commesse dall’estero, è stato deciso di aumentare il numero degli addetti”, ha dichiarato Alexey Krivoruchko, amministratore delegato di Kalashnikov Group. “La sfida che abbiamo di fronte – ha ricordato – è il crescente numero di ordini. Per soddisfarli, fino all’aprile 2017, la produzione sarà organizzata in tre turni”. Il kalashnikov prende il nome dall’ingegnere sovietico e militare dell’Armata Rossa Michail Timofeevič Kalašnikov, che lo inventò nel 1947, disegnando il progetto nella camera di ospedale dove si stava riprendendo dalle ferite di guerra. L’ingegnere è morto il 23 dicembre 2013 a 94 anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Se tra Colombia e Farc è pace fatta, ringraziamo le vittime che non hanno voluto vendetta

prev
Articolo Successivo

Francia, l’investitura di Macron il rottamatore: “Superare sinistra e destra”. La folla lancia l’anti-Le Pen al grido ‘Europa’

next