“La giustizia si basa molto, troppo sul precariato. Quattrocento euro al mese o duecento euro a sentenza non possono risolvere i problemi della giustizia”. Lo ha detto il presidente della Corte di Appello di Bologna, Giuseppe Colonna, in un passaggio della sua relazione per l’apertura dell’anno giudiziario. Colonna nel suo intervento ha sottolineato infatti il contributo agli uffici giudiziari dei tirocinanti, “sempre più strumento indispensabile” per i magistrati e per le cancellerie. Come loro, perché “accomunati dal dato, certamente non positivo della precarietà”, ci sono le persone in formazione professionale. Destinati in aiuto alle cancellerie, potranno usufruire di punteggio aggiuntivo per il concorso da assistente giudiziario. Anche il loro contributo è “prezioso e imprescindibile” per un indennizzo di soli 400 euro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anno giudiziario, Pg Milano: “Giustizia al collasso per carenze organico. Governo agisca”

prev
Articolo Successivo

Anno giudiziario, Minniti cita Falcone: “La ‘ndrangheta avrà una fine. Qui partita decisiva per il Paese”

next