2) Perché la mail inviata dall’amministratore dell’hotel alle 7 del mattino della sciagura, a Prefettura e Provincia di Pescara, Polizia provinciale e sindaco di Farindola, per chiedere un intervento – dato che la situazione era preoccupante, i clienti erano “terrorizzati” per le scosse, ma non potevano andare via perché le strade erano bloccate – è rimasta lettera morta?

3) Perché la Provincia di Pescara annunciava nel suo sito in pompa magna, già il 4 gennaio: “Piano Neve, tutto pronto”, quando non era pronto affatto e la ricerca della turbina spazzaneve è cominciata solo quella mattina; poi la turbina era rotta e allora se n’è cercata un’altra, ma era nell’aquilano e quando finalmente è stata messa in moto è rimasta senza gasolio e si è dovuto rifornirla con le taniche trasportate a piedi? E prima dello spazzaneve è arrivata la valanga.

4) Perché l’allarme lanciato dopo, tra le 17.45 e le 18, dal ristoratore Quintino Marcella a tutte le autorità, non solo non è stato creduto, ma pure ridicolizzato e una donna della sala operativa della Protezione Civile della Prefettura di Pescara (è stata identificata?) gli ha risposto: “E’ una bufala. Abbiamo verificato ed è tutto a posto. Sarà uno scherzo fatto col telefonino del cuoco”? E qualcuno l’ha pure minacciato di denuncia per procurato allarme.

5) Perché i soccorsi sono scattati solo 2 ore dopo quelle telefonate, alle 20? E sono riusciti ad arrivare all’hotel solo alle 4.40 del mattino dopo, 11 ore dopo la valanga.

INDIETRO

Rigopiano, le domande da non fare (per non passare da sciacalli)

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varese, “millantava contatti con l’Isis per non pagare i creditori”: cittadino giordano arrestato per calunnia e procurato allarme

next
Articolo Successivo

Elicottero del 118 precipitato in Abruzzo: sei morti. Due erano soccorritori al Rigopiano

next