Seicento esuberi, annullamento del contratto integrativo, chiusura di 12 punti vendita e cessione di altri otto”. I sindacati lanciano l’allarme e proclamano lo stato d’agitazione contro il piano industriale 2017-2019 presentato da Unicoop Tirreno, gruppo cooperativo della grande distribuzione con oltre 1 milione di soci, un centinaio di punti vendita e circa 4.500 dipendenti tra Toscana, Lazio, Campania e Umbria. “E’ inaccettabile – attaccano i sindacalisti – le difficoltà del gruppo vengono scaricate esclusivamente sulla pelle dei dipendenti”. Al via dunque le assemblee sindacali e non è escluso lo sciopero. Il management di Unicoop Tirreno, contattato da ilfattoquotidiano.it, preferisce al momento non rilasciare dichiarazioni. Il piano industriale arriva dopo che a dicembre è arrivato il soccorso del resto del sistema cooperativo, con le big riunite in Alleanza 3.0, Unicoop Firenze, Coopfond, Novacoop, Coop Lombardia, Coop Liguria e Coop Centro Italia che hanno accettato, insieme a Coop Amiatina e Coop Reno, di sottoscrivere strumenti finanziari partecipativi per 170 milioni di euro. Somma necessaria “per rispettare le nuove regole di rapporto tra prestito sociale e patrimonio fissate dalla Banca d’Italia”, come ha spiegato a dicembre Unicoop, che non rispettava i paletti stabiliti per evitare il ripetersi di crac simili a quelli di Coop Operaie e Coop Carnica.

“Un piano inaccettabile: mattanza occupazionale” – Il piano del gruppo di Piombino, riferisce una nota della Filcams-Cgil Toscana, prevede “481 esuberi full-time equivalenti”, ossia “oltre 600 addetti stante che il part-time in Unicoop Tirreno è intorno al 50%”. Senza contare “l’annullamento del contratto aziendale integrativo”. Un piano “inaccettabile” secondo la segretaria Cinzia Bernardini: “Abbiamo già proclamato un pacchetto di ore di sciopero a livello nazionale”. IlFattoQuotidiano.it ha contattato il segretario della Uiltucs Toscana Marco Conficconi: “Oltre l’80% degli esuberi è previsto in Toscana. Soltanto nella sede, a Vignale Riotorto (Livorno), se ne prevedono 160″. Altri 95 esuberi sono previsti tra i negozi che resteranno aperti mentre oltre duecento riguarderanno i punti vendita che saranno chiusi o che saranno venduti. Francesco Iacovone dell’esecutivo nazionale Usb Lavoro privato parla di “mattanza occupazionale” e punta il dito contro “un cda a dir poco inconcludente”. Secondo quanto riferisce l’Usb ci saranno 8 cessioni di negozi “tra Viterbo e la Toscana” e chiusure di due negozi a Viterbo, uno a Pomezia, uno a Velletri e un altro a Roma. “Le altre in Toscana”.

“Contraccolpi anche sull’indotto” – Secondo Conficconi i problemi dell’azienda “non sono legati a personale in eccedenza bensì alla gestione di un gruppo dirigente non all’altezza”. Poi aggiunge: “Ammortizzatori sociali, prepensionamenti, trasferimenti in altri negozi, licenziamenti: Unicoop Tirreno non ha ancora chiarito né i tempi né come gestire tali esuberi”. Preoccupazione anche per l’indotto: “Tra mense, pulizie, trasporti sono a rischio tra i 100 e i 150 lavoratori”. Per Alessandro Gualtieri, della segreteria Fisascat-Cisl Toscana, “il costo del lavoro è in linea con la media delle cooperative della grande distribuzione”. All’attacco anche Sabina Bardi, responsabile Uiltucs dell’area livornese: “Tutto il peso sulla pelle dei lavoratori, nessun vero piano industriale”. L’annullamento del contratto integrativo? “Per un full-time equivalente significheranno circa 100 euro in meno in busta paga, senza contare gli impatti su maggiorazioni domenicali e festivi“. La Filcams-Cgil accende inoltre i riflettori su “un problema di legittimità del tavolo della trattativa”. Al tavolo – fa notare il sindacato – siede infatti in rappresentanza dell’azienda Franco Giampaoletti “che dal 1 marzo andrà a ricoprire la carica di direttore generale del Comune di Roma“.

Il piano di novembre: “Difficile tornare all’utile perché consumi sono stagnanti e c’è più competizione” – Secondo fonti sindacali – riporta il Corriere fiorentino – il bilancio 2016 dovrebbe chiudersi con una perdita di circa 25 milioni di euro. Il presidente di Unicoop Tirreno Marco Lami e il direttore generale Piero Canova avevano illustrato il piano industriale al cda lo scorso 15 novembre: “Il piano prevede azioni straordinarie perché la cooperativa torni in utile producendo reddito nella gestione caratteristica, cioè quella commerciale, entro il 2019″. Un obiettivo definito “ambizioso”, a causa delle condizioni di un mercato dei consumi alimentari “stagnante” e di “crescita della competizione tra insegne”. Nella nota si parlava allora di “un adeguamento degli organici alle effettive e mutate esigenze”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La storia di Marta ed Eugenio, artigiani per vocazione: “Impagliamo sedie. Chi ha un talento manuale deve esprimerlo”

next
Articolo Successivo

Apple a Napoli, sorpresa: i seicento posti di lavoro non ci sono più

next