Caso Occhionero? Leggo i nomi di alcune vittime: Renzi, Monti, Scotti, Ravasi, la brambilla, Bonaiuti, Caldoro, Capezzone, Cicchitto. Sono tutte persone che stranamente sono state silenziate, Renzi compreso”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di “Ho scelto Cusano”, su Radio Cusano Campus, dall’avvocato Gioacchino Genchi, che aggiunge: “Comincio a sospettare che queste intercettazioni abbiano sortito il loro effetto, cioè hanno agito nei confronti di una serie di soggetti su cui si sono abbattuti strali di polemiche con articoli del Fatto quotidiano, non certo con quelli dei giornali di sistema. Di fatto si tratta di soggetti che hanno avuto un grosso travaglio, in particolare negli ultimi mesi”. L’ex superconsulente informatico delle procure osserva: “Renzi? Ogni volta che lo vedo con l’Iphone mi viene lo sconforto. Mi chiedo come la massima carica italiana utilizzi gli strumenti di comunicazione comuni con la disinvoltura di un boy scout. In Italia, nonostante ci sia una regolamentazione che riguarda tutti i settori, persino il possesso di una tartaruga, non c’è una regolamentazione della comunicazione istituzionale. Il governo italiano” – prosegue – “è alla mercé dei servizi di sicurezza che costano un botto di soldi e non garantiscono la sicurezza. Abbiamo la polizia che comunica con radio analogiche facilmente intercettabili. Queste intercettazioni sono un rischio per la democrazia, perché un presidente del Consiglio vittima di certe intercettazioni può essere ricattato e questo può influenzare il suo operato”. Genchi, infine, denuncia: “Questa vicenda non mi ha fatto cambiare idea sul fatto che tutti dobbiamo essere controllabili. Ogni carica deve essere sottoposta a controllo, l’unica differenza è che le attività di controllo sono attività legali, svolte dall’autorità giudiziaria. La banca dati delle forze di polizia è un colabrodo, chiunque vi può accedere e consultare qualunque tipo di dato. La sicurezza dello Stato e della democrazia è affidata ad autentici abusivi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, in Europa si rischia emorragia: via Affronte e Zanni: “C’è malcontento” “Borrelli non sia capro espiatorio”

next
Articolo Successivo

M5s, a Civitavecchia lascia la presidente del consiglio: “Non mi sento più a casa”. Sindaco: “Maggioranza compatta”

next