Nominativi ripetuti in diversi elenchi e firme ritenute non autentiche. A Carbonia, nel Sud della Sardegna, 22 persone sono indagate nell’ambito dell’inchiesta relativa alle liste elettorali presentate alle comunali del 5 giugno 2016. Tra loro: sei ex consiglieri comunali, poi disoccupati, casalinghe e pensionati. Le anomalie contestate riguardano alcune liste civiche dell’opposizione collegate all’ex sindaco Ugo Piano, che non risulta tuttavia indagato. Le amministrative di Carbonia sono state vinte a giugno dalla candidata del Movimento 5 stelle, Paola Massidda, che ha superato al ballottaggio il sindaco uscente del Pd, Giuseppe Casti. La lista del M5s non è coinvolta nell’inchiesta della procura di Cagliari.

Le indagini sono state condotte dai carabinieri a seguito di una segnalazione ricevuta dalla Prima sottocommissione elettorale che aveva notato irregolarità nelle dieci liste. In particolare era stato riscontrato che alcuni nominativi erano ripetuti in più elenchi. I carabinieri della compagnia di Carbonia hanno quindi fatto scattare gli accertamenti che hanno portato a indagare 15 persone tra operai, casalinghe e pensionati accusati di aver sottoscritto due liste elettorali; una persona è accusata di aver falsificato la firma del padre. I sei ex consiglieri comunali, invece, devono rispondere di falso ideologico. Secondo l’accusa avrebbero autenticato le firme di diversi elenchi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trasporto pubblico, la riforma infinita che blocca il Paese

next
Articolo Successivo

Immigrazione, l’eredità di Alfano. Hotspot in mare e rimpatri, annunci e promesse mancate (non solo per colpa sua)

next