Silence il nuovo film di Scorsese, il musical La La Land che ha aperto il Festival di Venezia, o il dramma Fences sull’integrazione razziale diretto da Denzel Washington? Variety scalda il motore in attesa della Notte degli Oscar 2017, che si terrà il 26 febbraio prossimo al Dolby Theatre di Los Angeles, cominciando a stilare la prima griglia di favoriti. Al primo posto, ancor prima dell’uscita prevista a gennaio 2017 negli Usa come in Italia, c’è già Silence, il nuovo film diretto da Martin Scorsese.

Scritto da Jay Cocks (che per Scorsese aveva preparato gli script di L’età dell’innocenza e Gangs of New York), e tratto dal romanzo di Shûsaku Endô, Silence ripercorre le persecuzioni subite dai cristiani durante il periodo Tokugawa nella prima metà del XVII secolo in Giappone. Nel 1639 i due gesuiti Padre Rodrigues e Padre Garrpe, rispettivamente Andrew Garfield e Adam Driver, si ricongiungono sul suolo giapponese col loro mentore, Padre Ferreira (Liam Neeson), vivendo sulla loro pelle violente persecuzioni e crudeli torture riservate ai cattolici. Il film ha avuto una lunghissima e travagliata preproduzione fin dal 2007. Arrivato in porto e oramai in fase finale di montaggio, Silence potrebbe, secondo Variety, diventare il candidato numero uno come miglior film per gli Oscar 2017.

Oscar 2017, ecco la griglia dei film e degli attori già favoriti per Variety: in lista anche Fuocoammare di Gianfranco Rosi

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Halloween 2016, i dieci film horror da guardare nella “notte dei morti viventi”

next
Articolo Successivo

‘Al di qua’, il film in cui poveri diventano protagonisti e che tutti dovremmo vedere

next