Silence il nuovo film di Scorsese, il musical La La Land che ha aperto il Festival di Venezia, o il dramma Fences sull’integrazione razziale diretto da Denzel Washington? Variety scalda il motore in attesa della Notte degli Oscar 2017, che si terrà il 26 febbraio prossimo al Dolby Theatre di Los Angeles, cominciando a stilare la prima griglia di favoriti. Al primo posto, ancor prima dell’uscita prevista a gennaio 2017 negli Usa come in Italia, c’è già Silence, il nuovo film diretto da Martin Scorsese.

Scritto da Jay Cocks (che per Scorsese aveva preparato gli script di L’età dell’innocenza e Gangs of New York), e tratto dal romanzo di Shûsaku Endô, Silence ripercorre le persecuzioni subite dai cristiani durante il periodo Tokugawa nella prima metà del XVII secolo in Giappone. Nel 1639 i due gesuiti Padre Rodrigues e Padre Garrpe, rispettivamente Andrew Garfield e Adam Driver, si ricongiungono sul suolo giapponese col loro mentore, Padre Ferreira (Liam Neeson), vivendo sulla loro pelle violente persecuzioni e crudeli torture riservate ai cattolici. Il film ha avuto una lunghissima e travagliata preproduzione fin dal 2007. Arrivato in porto e oramai in fase finale di montaggio, Silence potrebbe, secondo Variety, diventare il candidato numero uno come miglior film per gli Oscar 2017.

Oscar 2017, ecco la griglia dei film e degli attori già favoriti per Variety: in lista anche Fuocoammare di Gianfranco Rosi

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Halloween 2016, i dieci film horror da guardare nella “notte dei morti viventi”

prev
Articolo Successivo

‘Al di qua’, il film in cui poveri diventano protagonisti e che tutti dovremmo vedere

next