Daniele coltiva patate dolci nelle terre paludose di Frigole, marina di Lecce. I campi arrivano fin sulla spiaggia. “Marijuana? Che viavai! Scafi, inseguimenti, ogni tanto troviamo i sacchi pieni di erba e chiamiamo i carabinieri”. I salentini hanno smesso di sorprendersi. E’ questo litorale discreto il grande delta del fiume di stupefacenti provenienti dall’Albania.marijuana-13-ottobre-polizia Mai come quest’anno la controffensiva è stata poderosa: da gennaio ad oggi, le Fiamme Gialle hanno portato a termine 15 operazioni nel basso Adriatico, sequestrando 6 tonnellate di droga. Ogni mezzo è buono per trasportare il carico: motoscafi con possibile staffetta anche a largo di Saseno; velivoli ultraleggeri (tre quelli fermati in Puglia mentre facevano rifornimento in campi volo dismessi); camion che sbarcano nei porti di Brindisi e Bari. La new entry sono gli acquascooter, impacchettati fino all’inverosimile: ad agosto ne sono stati fermati quattro.marijuana-acquascooter-22-agosto Gli scafisti sono quasi sempre di Valona e ogni tanto c’è anche qualche brindisino. Il Salento è usato come deposito di stoccaggio prima dello smistamento della marijuana nel resto d’Italia. Lo confermano i maxi sequestri eseguiti a terra in estate: 2,6 tonnellate in un casolare alla periferia di Lecce; altri 800 chili in una casa di campagna fuori città; 1,2 tonnellate su un furgone diretto a Bologna; 600 chili in un immobile a San Pietro Vernotico. Empori della droga, con tanto di lista di chi verrà a ritirare. Le spedizioni, infatti, sono sempre “consorziate”: sugli involucri sono segnati i simboli che indicano la destinazione. Fanno tutto da soli gli albanesi. Nessun argine per loro c’è da ciò che resta dei clan della Sacra Corona Unita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Londra, “sventato attentato terroristico nella metropolitana”. Arrestato un 19enne: “Pianificava altri attacchi”

prev
Articolo Successivo

Mosul, Isis uccide 284 civili. “Uomini e bambini, presi come scudi umani e gettati in una fossa comune”

next