Daniele coltiva patate dolci nelle terre paludose di Frigole, marina di Lecce. I campi arrivano fin sulla spiaggia. “Marijuana? Che viavai! Scafi, inseguimenti, ogni tanto troviamo i sacchi pieni di erba e chiamiamo i carabinieri”. I salentini hanno smesso di sorprendersi. E’ questo litorale discreto il grande delta del fiume di stupefacenti provenienti dall’Albania.marijuana-13-ottobre-polizia Mai come quest’anno la controffensiva è stata poderosa: da gennaio ad oggi, le Fiamme Gialle hanno portato a termine 15 operazioni nel basso Adriatico, sequestrando 6 tonnellate di droga. Ogni mezzo è buono per trasportare il carico: motoscafi con possibile staffetta anche a largo di Saseno; velivoli ultraleggeri (tre quelli fermati in Puglia mentre facevano rifornimento in campi volo dismessi); camion che sbarcano nei porti di Brindisi e Bari. La new entry sono gli acquascooter, impacchettati fino all’inverosimile: ad agosto ne sono stati fermati quattro.marijuana-acquascooter-22-agosto Gli scafisti sono quasi sempre di Valona e ogni tanto c’è anche qualche brindisino. Il Salento è usato come deposito di stoccaggio prima dello smistamento della marijuana nel resto d’Italia. Lo confermano i maxi sequestri eseguiti a terra in estate: 2,6 tonnellate in un casolare alla periferia di Lecce; altri 800 chili in una casa di campagna fuori città; 1,2 tonnellate su un furgone diretto a Bologna; 600 chili in un immobile a San Pietro Vernotico. Empori della droga, con tanto di lista di chi verrà a ritirare. Le spedizioni, infatti, sono sempre “consorziate”: sugli involucri sono segnati i simboli che indicano la destinazione. Fanno tutto da soli gli albanesi. Nessun argine per loro c’è da ciò che resta dei clan della Sacra Corona Unita.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra, “sventato attentato terroristico nella metropolitana”. Arrestato un 19enne: “Pianificava altri attacchi”

next
Articolo Successivo

Mosul, Isis uccide 284 civili. “Uomini e bambini, presi come scudi umani e gettati in una fossa comune”

next