A dicembre saranno 28 anni che il reato di tortura attende di essere accolto nel nostro ordinamento. E nonostante l’Italia abbia ratificato la Convenzione Onu nel 1988, l’iter legislativo affronta l’ennesimo stallo, con il ddl tortura fermo al Senato. A Roma l’associazione Antigone ha promosso una manifestazione davanti alla Camera per sollecitare il governo “a fare presto”. “Chiediamo al premier Renzi e al ministro della Giustizia Orlando di passare dalle parole, e dai tweet, ai fatti – dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone -. Questa legge non è contro le forze di polizia, anzi. Consente di individuare e isolare le mele marce all’interno dei loro reparti. L’Italia rischia di diventare un paradiso per i torturatori come le Bahamas lo sono per gli evasori fiscali”. Presente al sit, tra gli altri, anche la sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, insieme ad Amnesty International Italia, ai Radicali Italiani, e a rappresentanti della Cgil

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ius soli, la legge è ferma al Senato da un anno. La mobilitazione dei “cittadini invisibili”: “E’ ora di agire”

prev
Articolo Successivo

Olanda, “sì a eutanasia per persone sane che pensano di avere ‘completato’ la vita”

next