DEEPWATER HORIZON – INFERNO SULL’OCEANO di Peter Berg Con Mark Wahlberg, Kurt Russell, Douglas M. Griffin (Usa, 2016) Durata 107’ Voto 2/5 DT

La ricostruzione del disastro ambientale provocato dall’incendio avvenuto sulla piattaforma semisommergibile Deepwater Horizon il 20 aprile 2010, in mezzo al Golfo del Messico, a 41 miglia a sud est della Louisiana. Undici morti e venti feriti, ma soprattutto la perenne devastazione del mare e della coste meridionali degli Usa per via di petrolio, fango e sostanze chimiche usate per spegnere le fiamme e fermare la fuoriuscita di idrocarburi dal profondissimo pozzo collassato. L’oramai ex attore Berg, alla sua ottava regia, grazie all’aiuto degli sceneggiatori Matthew Michael Carnahan e Matthew Sand prende spunto dalle testimonianze dei sopravvissuti e mitizza l’ “uomo comune” (Mike Williams/Mark Wahlberg nella classica parte muscoli e cervello che è di Matt Damon) che si è fatto eroe nel salvataggio estremo dei compagni di piattaforma quando attorno a lui c’erano solo fuoco e ferraglia a cadergli addosso. Tanto è ineccepibile la riproduzione di ferite sui corpi dei protagonisti e l’ideazione di un’atmosfera di fine vita alla Titanic, quanto il film appare narrativamente moscio, privo di uno spunto che non derivi dal volo di uno stuntman (applausi) o dalla reiterata inquadratura del buchetto sul fondale con bollicina premonitrice. Kurt Russell fa il capo popolare, fragile e autoritario, ed è davvero encomiabile. John Malkovich gigioneggia nel ruolo del cattivo superiore che per non risparmiare sui costi fa meno controlli nel pozzo, ma quando osserva gli “inferiori” con quello sguardo da Nosferatu shakesperiano scappa da ridere. Sprecata la sequenza premonitrice del cormorano inzaccherato di petrolio che impazzito sbatte contro i vetri di una nave fino a morire.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 7 ottobre

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In ‘Neruda’ tutta la cinepoesia di Pablo Larraìn

next
Articolo Successivo

‘Bianconeri Juventus story’, un film da vedere #finoallafine

next