LO AND BEHOLD INTERNET: IL FUTURO È OGGI  di Werner Herzog Durata: 108’ (USA 2016) Voto 3/5 (AMP)

Dalle origini al futuro. Da quel materiale militare “dall’odore unico” alla robotica sentimentale che – oggi ancora fantascientificamente – potrebbe sviluppare un’autocoscienza. La curiosità di Herzog non è mai sazia e questa sua ultima fatica non fa che dimostrarlo. Tutto è tecnologicamente connesso o “connettibile” oggi, ma a quale prezzo per l’umanità? Senza un pizzico di retorica ma anzi con la solita arguzia, il regista tedesco tenta in questo documentario di fornire una molteplicità di suggestioni / risposte a quello che è il grande tema del terzo millennio: l’espansione potenzialmente illimitata dell’evoluzione informatica che potrebbe arrivare a “rivoluzionare l’identità stessa dell’essere umano”.  Scienziati delle più svariate discipline ma anche filosofi e umanisti studiano e si interrogano incessantemente sugli universi generati da Internet e dalle sue applicazioni: a loro Werner Herzog si rivolge con la consueta simpatia e l’immutata capacità a ricomporre un linguaggio impenetrabile in un’arte cinematografica dalla cifra inconfondibile.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 7 ottobre

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In ‘Neruda’ tutta la cinepoesia di Pablo Larraìn

next
Articolo Successivo

‘Bianconeri Juventus story’, un film da vedere #finoallafine

next