MINE di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro Con Armie Hammer, Annabelle Wallis, Tom Cullen (Usa, 2016). Durata 106’ Voto 3/5 DT

Tra rocce e dune del deserto, una traiettoria sporca del fucile e una fortuita rifrazione del mirino obbligano un marine cecchino e il suo collega a fuggire dopo essere stati sgamati dal target arabo da abbattere e dai suoi sgherri. Gps fuori uso, tempesta di sabbia, sete boia, i due finiscono in un invisibile campo minato: un soldato salta in aria, l’altro si accorge di aver pestato una mina e lì rimane con il piede sinistro immobile finchè, almeno, qualche truppa modello “arrivano i nostri” non lo verrà a prendere. Thriller psicologico con sfondo guerresco in tre atti che ipnotizza almeno nella prima e seconda parte quando l’agonia del marine a cielo aperto, tra un mp3 e un lazo artigianale finito male, è palpabile e verosimile; e poi pone nella terza parte qualche dubbio in tenuta ed originalità avventurandosi in una trasposizione irreale dell’inconscio del protagonista. La regia dei due esordienti italianissimi Guaglione/Resinaro convince comunque per solidità e tenacia. Da vedere, inginocchiati per solidarietà con il protagonista. Produce Peter Safran già a sborsare dollari per The Conjuring e Buried.

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 7 ottobre

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

In ‘Neruda’ tutta la cinepoesia di Pablo Larraìn

prev
Articolo Successivo

‘Bianconeri Juventus story’, un film da vedere #finoallafine

next