MINE di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro Con Armie Hammer, Annabelle Wallis, Tom Cullen (Usa, 2016). Durata 106’ Voto 3/5 DT

Tra rocce e dune del deserto, una traiettoria sporca del fucile e una fortuita rifrazione del mirino obbligano un marine cecchino e il suo collega a fuggire dopo essere stati sgamati dal target arabo da abbattere e dai suoi sgherri. Gps fuori uso, tempesta di sabbia, sete boia, i due finiscono in un invisibile campo minato: un soldato salta in aria, l’altro si accorge di aver pestato una mina e lì rimane con il piede sinistro immobile finchè, almeno, qualche truppa modello “arrivano i nostri” non lo verrà a prendere. Thriller psicologico con sfondo guerresco in tre atti che ipnotizza almeno nella prima e seconda parte quando l’agonia del marine a cielo aperto, tra un mp3 e un lazo artigianale finito male, è palpabile e verosimile; e poi pone nella terza parte qualche dubbio in tenuta ed originalità avventurandosi in una trasposizione irreale dell’inconscio del protagonista. La regia dei due esordienti italianissimi Guaglione/Resinaro convince comunque per solidità e tenacia. Da vedere, inginocchiati per solidarietà con il protagonista. Produce Peter Safran già a sborsare dollari per The Conjuring e Buried.

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 7 ottobre

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In ‘Neruda’ tutta la cinepoesia di Pablo Larraìn

next
Articolo Successivo

‘Bianconeri Juventus story’, un film da vedere #finoallafine

next