QUANDO HAI 17 ANNI di André Téchiné, con Sandrine Kiberlain, Kacey Mottet Klein, Corentin Fila. Durata: 114’ (Francia 2016) 3/5 (AMP)

“Un’età per nulla ingrata, anzi feconda” diceva Proust dell’adolescenza, misteriosa quanto ridicola età che spezza i cuori mentre fortifica i corpi. Non ne sfuggono Damien e Tom, compagni di classe che non sanno se essere acerrimi nemici o migliori amici. Il primo è borghese, figlio della dottoressa del paese sui Pirenei dove vivono e di un militare in missione africana, il secondo è un immigrato dal Maghreb dai genitori assai poveri, con la madre ancora incinta dopo svariati aborti. È la mamma di Damien a offrirsi di aiutare la donna a compiere la gravidanza, non solo come medico ma anche ospitando Tom a casa loro fino al termine dell’anno scolastico. Inizialmente reticenti, i due ragazzi riescono nel tempo a trovare una loro modalità comunicativa, unica e speciale. Considerato uno dei film “più giovani del non più giovane Téchiné” Quando hai 17 anni si è distinto in concorso alla Berlinale 2016 non solo quale uno dei migliori concorrenti all’Orso d’oro ma anche in qualità di uno dei più solidi titoli sulle difficoltà dei teenager alla ricerca d’identità in una società ancor più confusa di loro. Esemplari la sceneggiatura firmata dal maestro francese e dalla sua ex allieva Celine Sciamma, nonché le interpretazioni dei tre protagonisti, su cui spicca quella del giovanissimo svizzero Kacey Mottet Klein nei panni di Damien. AMP

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 7 ottobre

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In ‘Neruda’ tutta la cinepoesia di Pablo Larraìn

next
Articolo Successivo

‘Bianconeri Juventus story’, un film da vedere #finoallafine

next