È in arrivo su Sky Atlantic HD (canale 110) una delle serie tv più attese dell’anno. Dal 3 ottobre in contemporanea con gli Stati Uniti, in prima tv esclusiva “Westworld – Dove tutto è concesso”, targata HBO e ispirata all’omonimo film del 1973 (in italiano “Il mondo dei robot”) di Michael Crichton. La serie è ambientata a Westworld, un futuristico resort di lusso che offre ai visitatori un’esperienza senza confini nell’Old West. I ricchi turisti partono per una vacanza in un mondo di fantasia, nel quale possono essere chi vogliono: un coraggioso cow boy o uno spietato giustiziere, uno sceriffo da Far West o il cliente del saloon del villaggio. Ma questo viaggio, apparentemente ludico, finisce per trasformarsi in “un’oscura odissea sull’alba della coscienza artificiale e sul futuro del peccato” le cui vicende sono raccontate dal punto di vista dei robot che popolano Westworld e non degli esseri umani che arrivano per visitarlo. Scritta e diretta da Jonathan Nolan (Interstellar, The Dark Knight – Il cavaliere oscuro) e Lisa Joy (Pushing Daisies, Burn Notice) e prodotta da J.J. Abrams (Star Trek, Star Wars), sarà trasmessa su Sky Atlantic HD in contemporanea con gli Stati Uniti a partire dalla notte tra domenica 2 e lunedì 3 ottobre alle 03.00 in versione originale sottotitolata in italiano  (con replica alle 21.15) e poi dal lunedì successivo, 10 ottobre, alle 21.15 in versione italiana. Nel cast stellare figurano: Anthony Hopkins nel ruolo del Dr. Robert Ford, fondatore e direttore creativo del resort, ma sono presenti anche Ed Harris (Pollock, Apollo 13, The Truman Show, The Hours) che interpreta L’Uomo in Nero, Thandie Newton (Crash, Mission: Impossible II) nei panni della signora Maeve Millay, Evan Rachel Wood (Thirteen, Mildred Pierce) nel ruolo di Dolores Abernathy, la bella figlia dirancher, che comincia a scoprire che la sua intera esistenza idilliaca non è altro che una bugia appositamente costruita e James Marsden (X-Men), inteprete di Teddy Flood, nuovo arrivo alla città di frontiera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elena Ferrante, il giallo dell’identità. “Ecco perché è Anita Raja, moglie di Domenico Starnone”: l’inchiesta del Sole 24 Ore

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Clemente Russo espulso. Anche la tv trash lancia messaggi positivi (a volte)

next