Scontri tra manifestanti e polizia a Charlotte, North Carolina, dove molti manifestanti sono scesi in strada per protestare per la seconda giornata di seguito contro la polizia, accusata di aver ucciso ingiustamente Keith Scott Lamont, un uomo afroamericano di 43 anni, padre di sette figli. Inzialmente i media locali hanno parlato di una persona “morta per colpi di arma da fuoco, dopo il ricovero in ospedale”, ma poi si è appreso che la persona è in condizioni critiche e tenuta in vita artificialmente. L’amministrazione cittadina su Twitter ha scritto che a sparare è stato un civile (“Non un colpo è stato sparato dalla polizia”), ma senza per ora specificare chi sia la persona e chi abbia esploso uno o più colpi d’arma da fuoco. Una trentina di persone hanno cercato di bloccare il traffico sul vicino nodo della interstate. Il governatore del North Carolina, Pat McCroy, ha dichiarato lo stato di emergenza: “Non possiamo tollerare la violenza e non possiamo tollerare attacchi alle nostre forze di polizia”, ha detto e ha ordinato il dispiegamento della Guardia Nazionale e della polizia stradale per sostenere le forze di polizia locali

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Charlotte in rivolta dopo omicidio afroamericano: un ferito grave. Dichiarato lo stato di emergenza

next
Articolo Successivo

Georgia, il dibattito politico finisce in rissa: botte in diretta tv tra due candidati

next