Ancora un caso di bambini maltrattati all’asilo. Dopo i casi di Milano – dove i bambini venivano legati con le cinghie, Roma – dove i piccoli venivano anche forzati a mangiare, Pisa – dove le maestre li sculacciavano, un’altra storia di violenza all’interno di un istituto finisce nelle pagine della cronaca. Un fenomeno che è diventato una vera e propria emergenza.

Tre maestre della scuola materna “Il Delfino” di Potenza sono state sospese dal servizio di insegnante e dal pubblico ufficio. Le indagini, svolte dal Nucleo investigativo del comando provinciale di Potenza dei Carabinieri, sono cominciate dopo la denuncia di una mamma “preoccupata per alcuni lividi sulle braccia della figlia e per il suo cambiamento d’umore”. Una modalità che si ripete in tutte i casi di botte ai bambini. 

Oltre alle testimonianze di altri genitori, raccolte dai carabinieri, a far finire le tre maestre nel registro degli indagati sono state le intercettazioni e i filmati che hanno permesso di accertare le violenze fisiche e verbali. Nel corso delle indagini, i militari hanno ascoltato anche altri genitori e un’insegnante della stessa scuola. La Procura della Repubblica di Potenza ha quindi chiesto una misura interdittiva dell’esercizio di pubblico ufficiale e di insegnamento al giudice per evitare che gli alunni continuassero a frequentare la scuola con le maestre violente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Egitto: “Barcone naufraga con oltre 600 persone a bordo. Almeno 43 morti”

prev
Articolo Successivo

Potenza, bimbi maltrattati all’asilo: tre maestre interdette dal servizio

next